TORNA ALLA HOME
Catasto Gregoriano
San Paolo
San Perfetto
Dicono di noi
Contatti
 
 
newsletter 
Inserisci l'e-mail:
 
 
 
 

Poesia e dialetto

Ecco una serie di detti, proverbi e poesie cisternesi. Se avete altro materiale scriveteci al più presto e lo pubblicheremo subito.

Alcuni detti popolari cisternesi:

O ddiavolo che piscia nfaccia ao muro
Che piscio da o ginocchio?
Chi n'tè faccia n'se marita
È nò c**zo pieno de piscio
O pane de o padrone tè sette croste, ma se ce guardi bene ne tè quattordici
Te pozzano portatte a Conca!
Te sì fatto come Sa Rocchitto!
Dù femmine dentro casa nce ponno sta
Male non fa, paura non tenè
Dalla smorfia cisternese: Le ova so chiacchiere
Bonì bonì bonanno, chisto è jo sasso de Capodanno, tanto oro e tanto argento te pozza portà chistanno!
A capanna de Perazzotti
Me sembri Peppe o Matto
Và, và, chello che te serve o trovi làne
Che ce sì trovato o padrone?
Chisso sta zzinnato
Me sembra a tenuta de Mazzoleni
Che sì o fìo de Roscirde?
Sì nò piloto!

Sopra alla Rocca quanno 'nce piove ce fiocca
Co le nuvole a Maccarese, pia 'a zappa e va a o paese

Detti suggeriti da Anna Mastrilli:

Capello capellaccio. Chello che me si fatto te rifaccio
Me sembri Maria Cazzetta (in italiano Maria La Gazzetta, riferendosi al giornale quindi una pettegola!)
Si proprio nà ruzzetta (nel senso di sporca), oppure in alternativa: Me pari Maria la ruzzetta
La...patacca dè mammeta
E...fregna nonnaaa (quando occorre dire che mi stai fregando)!
Ma che si nata a mette o' sale alle saraghe!!!
Te pozza da' na rivorverata!!!
Ma che te sa partorita la cavalla (nel senso che ha comprato qualcosa di costoso)?
Dimme tre metalli colla o: 0' fero, 0' rame, 0'zinco!
Se piagni te' do' pure o resto
Ce' manca Sarrocco co tutto o cane
Ma che si' do' fosso?
Me manca sempre n'sordo pe' fa na lira!!!
Classica frase di Busetti e Meloni le guardie: Si stata tu a da' foco alla fontana!!! 

Una vecchia filastrocca cisternese:

E 'ndì e 'ndì e 'ndì, so' pollastri e tagliolì.
'Ndo se li magnamo? Alla cantina de Marì.
E 'ndo e 'ndo e 'ndo, so pollastri e maccherò,
'Ndo se li magnamo? Alla cantina de Rapò (Maria la Rapona).

Suggerita da GABRIELLI Paolo (classe 1940) 

Alcune poesie in vernacolo cisternese:

"No i fate arrabbià i cisternesi!", di Francesco Pompili (sonetto in dialetto cisternese)

Nò ggiorno zì Remo, fìo de cisternesi,

nato a na casa de Via delle Grotte,

fece a gara, in bici, co ddù coresi,

che poi ce piarono puro le botte.

Fu così: ìsso co la bici de legno,

chiantri tenevano chelle più bòne, 

e partirono prima, senza ritegno,

perché a ogni costo ognun vince vòne. 

Vinsero ìssi, ma assai caro ce costò,

perché zì Remo, buttero orgoglioso,

sceso da sella subbito ce menò,

e disse ntono tremendo e imperioso:

CIo so de Cisterna e nò mé ngannate,

bàri, mò puro le bici me dàte!.

"La caciara", di Francesco Pompili

Alla vecchia casa de Via Mazzini
Cabbitàvano, prima, mì sbinnonni;
sia papà che ziemo, da regazzini,
quanno ìssi se facevano ddù sonni,

pìa e nnavano sotto alla caciara,
ndo mi sbinnonno salava le forme
portate dalla Campagna Ciociara,
e issi lasciavano no mozzico enorme

a tutti i caci dentro chella cantina,
Che se o nonno se ne fosse accorto,
i sarebbe mannàti da nonna Gina,
che te faceva camminà storto

co nà zzampata sopre o coderizzo,
puro se sol te piàva mpizzo mpizzo!

"La ballata dei soprannomi", di Nicola Merolla

Temistocle trillava alla moje da sotto la loggetta:
"Cara, tengo mar de stommico, potrei avene a pranzo pollo in
brodo?".
"Certo caro ne mette due ao foco,
ce poi contà, a mezzogiorno è pronto".
Chessa era pure 'mpo invidiata,
ce stava tanta fame pe' la guera
e chessa: pollo a pranzo e pollo a cena,
o bello è che strillava e lo faceva sapé pure a chi n'sentiva
Un giorno un viaggiatore alla stazione
scese dal treno a nà cert'ora,
cercava Augusta Casali, nà signora pe' na premiazione
e a chi incontrava pe strada domannava.
L'indirizzo era: Via Carlo Alberto
numero ventuno, lato destro,
interno alto al secondo piano,
pe' campanello no battocchio a mano.
Arriva nà pipinara de persone intorno a st'omo
e o rozzo circolare
se n'grossava quasi a soffocane,
tutti curiosi volevano sapene.
Nessuno conosce nome ed indirizzo
se sforza, vò capì o Chiuvitto,
arriva pure Menico Mucchitto
e s'avvicina Tranquillo e o Spirdo co Piscitto.
Figosciapa, Nasone, la Bottara, la Sediara e la Pollacca,
Bocca Stretta, le Vignarole, Fanfulla e la Bicchieretta,
Scaccia Passeri, Scucchione, Giudaccia e Cimicetta,
Cioccolatino, o Senzaculo, Panzone, le Vizzocche e la
Lampachiara.
Aumentava o rozzo 'mpo spingente
persone semplici tutta brava gente
Puzzetta, la Zozzetta e la Lepretta,
Pisciontella, o 'nfinfero e la Ruzzetta.
La Fumonese, la Lippona e la Schiattona,
l'Acutese, la Peccia, la Manuele e Cupelletta,
Cipolletta con la Zirizotta, Bulasca e o Conte Spacca,
Taborritto, Giacchino, Mappino o muto, Pio o surdo e Leppa
Leppa [continua...]

"O lamento de Cisterna", di Fiorella Brasili

"Me paro la fija de nesuno
pé chesto so sempre de cacheduno
'Na vorta Cisterna de Roma,
venivo chiamata
ma 'sta cosa no' me 'nfastidiva
perché Roma era 'na città antica
dapettutto conosciuta.
Quanno Mussolini fondò Littoria
Cisterna di Littoria so diventata,
e pé sto fatto assai ce sò sofferto
io "Cis Aeterna", me parevo sminuita
d'èsse da na mammoccia commannata.
Poi o fascismo fù battuto,
io la sorte sò seguito
e Cisterna di Latina sò diventata.
Mò però d'èsse de cacheduno me sò stufata
pe chesto ai Cisternesi ce dico:
"Fiji mé, dateme n'identità
e solo Cisterna fàteme diventà. 

"Cisterna dossi e paradossi", di Mario Murri (Cisterna Dicembre 2007 da "Poeta per forza")

A sto paese so più i dossi o i paradossi?
I dossi te devono fa annà piano,
se nun si piato na buca, prima.
se nun te se spacca la machina, prima.
se nun si partorito, prima.

Si perché oltre che ad aiutà chi aggiusta e machine,
so utili pure pé accorcià i tempi di gravidanza,
se fa prima e se risparmia tempo.

Anche se un po de tempo lo perdemo
quanno camminamo pe o corso,
addove pe annà dritto devi annà storto ,
e quando aritorni accasa,
te devi ricorda di carica lanca ar contrario.

Ce ne so di contrari,
il corso va solo in discesa,
pe anna su se passa nei vicoletti,
se si de fori, chiedi la strada a cacheduno,
e si nte perdi, arrivi a S.Antonio.

Pure le luci so ar contrario, fanno luce al terzo piano,
i piani sotto se arrangiano,
npo coi negozi, finche nun chiudono, ma proprio chiudono,
npo co e luci de e machine che sur marciapiede multiuso
te le ritrovi come te pare.

Da noi pure er tempo se fermato,
certe mura se so rotte npo co a guera, npo co a vecchiaia, e
manco fossero un monumento, stanno ancora là
an fa passa a gente.

Chi non sta là, so li serci che volano,
ma nun dovrebbero sta aggrappati pé terra come li denti ?
I denti cascano ma quanno so vecchi,
questi nvece un ber po prima.

Be me pare che avemo finito,
voglio da nocchiata alla speranza
pecché armeno quella
ce piacerebbe che fosse ancora dritta e
che ce faccia nà bella luce. 

"Come Parlimo nù...", di Mario Mastrilli

Ricordo quand'ero mammoccio,
madrema me svegliava pe na' a scola
de castagnaccio n'sordo io' cartoccio, du' ficosecche, m'po' de pane e vola!
Ricordo come allora le parole:
làvete bè io' collo, recchie e zampe
e non parla' paesano, mò alle scole
parla ciovile sennò si 'gnorante!
Come parlimo nùne è da tarpani,
perchè siamo arfabeti, senza voce
e tu, ce mancherebbe che un domani
tenessi da firmà colla croce...
Oggi ce vanno a caccia a stò dialetto
ner nome de curtura, ecologia.
te vanno a ritrova' quarche vecchietto,
e fasse parla' come a casa mia:
A nò: Chisti che sò? Sò sgummarelli,
chesta è la grattacacio, la terrina
pe fà du lacchenacce o frascarelli
basta mpastà mpo' d'acqua e la farina: Facimo a mpo' de lardo lo battuto,
co mberpo' de cipolla, erbetta e sale
(se massera no magna chio cornuto
iò faccio ruzzicane pe le scale)
Questo era er desinare della sera:
carnoso lardo, farina integrale,
nà nghiacchiatella de tritello nera,
ch'oggi so' vitamine naturale.
Quarcunoo dice ancora: tempi buoni!
ma era n'signorone ompoco sciocco...
Quando pe te magna' du maccaroni,
tenevi d'aspetta' Pasqua o Sarrocco!

 
 
 
 
 
Freelance Web Designer